Gonfiore addominale: è tutta colpa dell’alimentazione?
Scopri le principali cause del gonfiore addominale.

Gonfiore addominale: è tutta colpa dell’alimentazione?
Scopri le principali cause del gonfiore addominale.

Il gonfiore addominale è un disturbo diffuso che può avere […]

Vestibulum ante ipsum

Vestibulum ac diam sit amet quam vehicula elementum sed sit amet dui. Donec rutrum congue leo eget malesuada vestibulum.

Giuseppina Falco

Il gonfiore addominale è un disturbo diffuso che può avere un impatto significativo sulla tua vita quotidiana. Se sei tra coloro che soffrono di gonfiore addominale, saprai quanto sia fastidioso e scomodo affrontare questa condizione.

So bene che cosa si prova ad affrontare la giornata quando ogni movimento è limitato dalla tensione addominale.

La mattina scegli un outfit che ti sta bene, ma dopo un po’ il jeans inizia a stringere e ti chiedi costantemente se i tuoi colleghi noteranno la tua pancia gonfia.

Le cause del gonfiore addominale sono molteplici, spesso si crede che dipenda solo da ciò che si mangia, ma sono molteplici le cause, tra cui l’accumulo di gas nell’intestino, l’infiammazione, abitudini sbagliate e lo stress.

Riconoscere questi fattori e adottare le giuste strategie può aiutarti a ridurre il gonfiore.

In questo articolo, ti parlerò dei diversi tipi di gonfiore (no, non ne esiste solo uno) e delle principali cause che scatenano questo fastidioso sintomo.

I tipi di gonfiore addominale.

Ti è mai capitato di dire ad un’amica che ti senti gonfia e che lei ti abbia risposto

“Ma come sei così magra!”

In quel momento ti sei sentita incompresa, come una “malata immaginaria”.

Bene sono qui per dirti che non ti immagini nulla!

È importante distinguere tra:

  • Il gonfiore che è il sintomo che avverti e
  • la distensione addominale che è il segno che si vede dall’esterno.

Non sempre sono presenti entrambi, quindi tu potresti sentirti gonfia anche se dall’esterno non si vede, ciò non vuol dire che però ti stai immaginando tutto.

Inoltre, a seconda della localizzazione del gonfiore possiamo distinguere tra aerofagia e meteorismo.

  • Aerofagia: quando la sensazione di gonfiore è nella parte dell’addome, più o meno a livello dello stomaco, si associa ad eruttazioni e compare entro un’ora dai pasti. Questo tipo di gonfiore può dipendere da una cattiva masticazione o se si parla mentre si mangia, quindi si ingerisce aria.
  • Meteorismo: quando la sensazione di gonfiore è nella parte bassa ed insorge 2 ore o più dopo un pasto. Anche il meteorismo può dipendere dall’alimentazione, infatti è noto che alcuni alimenti come i legumi o alcune verdure sono meteorizzanti. Ma in genere è legato ad una disbiosi, cioè quando i batteri presenti nel nostro intestino non si trovano in una situazione ottimale.

Esiste poi un terzo tipo di gonfiore, che è fisiologico e normale cioè quello che avverti a fine giornata. Potrebbe esserti capitato di svegliarti con un ventre piatto e a fine giornata vederti più tonda allo specchio, questo tipo di gonfiore, che non dà dolore, è normale ed è dovuto al semplice fatto che mangiamo e beviamo durante la giornata.

Bene, una volta compreso che non esiste un solo tipo di gonfiore vediamo ora le cause più comuni di questo sintomo.

Cause del gonfiore addominale

Le cause del gonfiore addominale sono molteplici, quando si ha questo sintomo la prima cosa a cui si pensa è l’alimentazione.

In effetti l’alimentazione può giocare un ruolo importante, infatti, una dieta ricca di cibi ad alto contenuto di grassi, zuccheri raffinati e sodio può contribuire al gonfiore addominale.

Inoltre, alcuni tipi di verdure o i legumi possono contenere molecole “irritanti” per il tuo intestino, che arrivano indigerite nell’intestino e vengono fermentate dai batteri intestinali con formazione di gas che appunto causa il tuo gonfiore.

Ma un’alimentazione sbilanciata non è l’unica causa, ne esistono molteplici vediamole una ad una.

Accumulo di gas e una difficoltà ad eliminare quest’aria

Durante la digestione, si ha la formazione di gas a seguito della fermentazione di alcuni alimenti, come i carboidrati complessi presenti nelle verdure crucifere (come i diversi tipi di cavolo, i broccoli, etc) o nei legumi.

La formazione di questi gas è normale, in alcuni casi però non si riesce ad eliminare l’aria e ciò può causare una sensazione di gonfiore e distensione nell’addome.

Se questo è il tuo caso ti consiglio quando sei da sola di sdraiati sul letto e portare le ginocchia al petto o di stenderti sul lato e portare le ginocchia al petto, queste posizioni potrebbero aiutarti ad eliminare l’aria accumulata.

Presenza di patologie intestinali

Il gonfiore addominale può essere anche un sintomo di una patologia intestinale, ne sono un esempio le intolleranze alimentari, come l’intolleranza al lattosio o la sensibilità al glutine.

In questi casi ingerendo alimenti che presentano la molecola a cui si è intolleranti si ha la comparsa di diversi sintomi, tra cui il gonfiore addominale.

Un’altra causa frequente del gonfiore addominale è l’infiammazione dell’intestino associata ad alcune condizioni, tra cui la sindrome del colon irritabile (ti parlo della sindrome dell’intestino irritabile in questo articolo clicca qui). Queste condizioni possono causare alterazioni nella motilità intestinale e provocare sintomi come il gonfiore addominale, il dolore e le alterazioni delle abitudini intestinali.

Aumento del peso corporeo nell’ultimo periodo

Un’altra causa del gonfiore addominale potrebbe essere un aumento del peso corporeo, soprattutto se c’è stato un notevole aumento di peso in poco tempo.

In questo caso, infatti, ci potrebbe essere un accumulo di quello che si chiama il grasso viscerale, cioè un tipo di grasso che si posiziona tra gli organi, appunto tra le viscere. Questo grasso va quindi ad occupare uno spazio che dovrebbe essere destinato al tuo intestino.

Devi sapere infatti che è normale che durante la digestione il tuo intestino si distenda, in genere non l’avverti perché l’intestino ha abbastanza spazio. Se però quello spazio è occupato dal grasso viscerale ne rimane meno per l’intestino, che distendendosi durante la digestione va a sollecitare delle terminazioni nervose, ed ecco che tu avverti quel fastidioso gonfiore.

Abitudini alimentari scorrette.

Chi soffre di gonfiore addominale si chiede spesso quale alimento potrebbe aver scatenato il proprio sintomo, ma fa poca attenzione a come ha consumato il proprio pasto.

Sono molte le persone che consumano i propri pasti in una veloce pausa pranzo che dura 10 minuti al massimo, o peggio ancora mentre lavorano al pc, o rispondono alle email, o ancora approfittano della pausa pranzo per inviare messaggi vocali al partner o alle amiche.

Ma mangiare troppo rapidamente, masticare poco i cibi e parlare mentre si mangia possono contribuire alla formazione di gas nell’intestino e causare gonfiore addominale.

Un’altra abitudine frequente è quella di saltare il pranzo, o fare un piccolo pasto veloce, quando arriva l’ora della cena quindi si ha più fame e si consuma un pasto più grande. In questi casi subentra il terzo tipo di gonfiore, cioè quello che compare principalmente a fine giornata.

Cattiva gestione dell’acqua

Ora potresti chiederti “Che vuol dire? Ora c’è anche un giusto modo di bere?”

In effetti è proprio così, si enfatizza spesso sull’importanza di bere i famosi 2 litri di acqua al giorno, ma ti sei mai soffermata a notare quando bevi?

Molte persone si dimenticano di bere mentre lavorano o evitano proprio di farlo perché sono in giro in auto o per non fare troppe pause bagno. Arrivata l’ora del pasto, quindi, si rendono conto di non aver proprio bevuto e cercano di recuperare.

Stessa cosa avviene quando tornano a casa, notando di aver bevuto sì e no mezzo litro di acqua, cercano di recuperare tutto insieme.

Questa può essere un’altra causa del tuo gonfiore addominale, potrebbe spiegare soprattutto quel gonfiore che avverti a fine giornata.

Stress e ansia.

Un ultima causa del gonfiore addominale sono lo stress e l’ansia, la cosiddetta somatizzazione.

Questa forse è la causa che fa storcere più il naso a chi ha sintomi intestinali, come il gonfiore.

So bene quanto sia difficile accettare che un sintomo dipenda da ciò che ci accade, so cosa stai provando.

Io per prima mi sono sentita più e più volte ripetere che per ridurre il mio sintomo “dovevo solo calmarmi” ricordo ancora quanto mi sentivo frustrata, sola e incompresa.

Col tempo però ho capito che questa è una dura realtà che bisogna accettare, poiché intestino e cervello sono connessi tra loro; quindi, stress e ansia possono essere la causa del tuo gonfiore.

Queste che ti ho elencato potrebbero essere alcune delle cause del tuo gonfiore addominale, è importante conoscerle.

Ma prima di lasciarti c’è una cosa importante da sottolineare.

L’autodiagnosi non andrebbe mai fatta, se soffri di gonfiore addominale persistente e grave e non hai una diagnosi ti consiglio di consultare uno specialista per capire la causa del tuo gonfiore. Come hai visto le cause sono diverse e vanno da delle semplici abitudini scorrette alla presenza di una patologia intestinale.


0 0 voti
Article Rating
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti